due fratelli partigiani

Stampa

:: Giocondo Musigiocondo musi

Il più grande dei fratelli Musi nasce il 16 ottobre 1914, a Bologna. Fa il fornaio ed è comunista e per questo ha già fatto un anno di carcere nel 1931. Fa già attività clandestina antifascista prima  dell’Armistizio, poi diventa partigiano: è comandante di battaglione della 1a brigata Irma Bandiera. Mentre si accinge a far saltare un ponte ferroviario è catturato e portato al carcere di San Giovanni in Monte; lì viene torturato, ma non tradisce i compagni. Poi, il 30 agosto del 1944, lo fucilano con altri 11 al Poligono di tiro di Bologna.

milena, ivonne e giocondoI fornai hanno un bollettino sindacale clandestino, “La Riscossa”, e lì a Giocondo e agli altri colleghi caduti promettono: “Lottando per l'ideale per cui siete caduti vi vendichiamo e vi ricordiamo”. Giocondo lascia una moglie, Milena, e una bambina, Ivonne.

:: Paride Musi

Paride è il secondo figlio di Amedeo Musi e Medea Cremonini. È nato il 29 giugno 1927 e fa il postino. È orgoglioso del fratello partigiano ed anche lui vuole fare la sua parte: senza dir niente ai genitori, molto presto va anche lui ad arruolarsi nelle brigate partigiane: "cara mamma, ti prego di farti animo e coraggio... Caro Giocondo, sono convinto che tu biasimerai il mio operato ma che in fondo in fondo ne sarai contento... mai come in questo momento mi sento onorato di poterti abbracciare... Caro babbo perdonami tu pure e acqua in bocca... Caro Franco dai retta alla mamma e cerca di darle ciò che non ho saputo darle io ...”.paride musi

Combatte sull’appennino bolognese, diventa ispettore organizzativo della brigata Stella Rossa Lupo. Anche Paride cade in combattimento, è il 18 luglio del 1944. E ha appena 17 anni.

“Distintissima signora...” a scrivere a Medea Cremonini in Musi è un cappellano dei partigiani della Stella Rossa, don Luigi Tommasini: la lettera che arriva nella casa di via Mondo n. 43 annuncia a Medea, “mamma di eroi”, che suo figlio Paride è morto in montagna, ucciso dai nazisti.la lettera di Don Tommasini a Medea Musi

Tags: passati per le armi famiglie partigiane